Immersioni in Thailandia: chiude Maya Bay ai turisti

Immersioni in Thailandia: chiude Maya Bay ai turisti

È la famosa baia dove fu girato il film con Leonardo DiCaprio, “The Beach” popolare per la sua bellezza e per le immersioni in Thailandia. Questa spiaggia si trova nell’arcipelago delle isole Phi Phi, e proprio la famosa baia del film è stata chiusa alcune settimane fa da parte delle autorità. La motivazione sembra essere il danno provocato dai 5.000 visitatori giornalieri, forse un po’ troppi per questo fazzoletto di sabbia. Una limitazione meno drastica sarebbe stata apprezzata, in questo modo vietandone l’accesso le comunità locali perderanno i soldi con i quali si sostengono.

Queste isole tuttavia sono un paradiso per i turisti, mare verde smeraldo e sabbia fine e bianca, un paradiso! L’isola è famosa anche tra i sub di tutto il mondo, dove vanno ad esplorare i fondali di quest’arcipelago brulicante di pesci. La cosa più sorprendente è la vista della baia dalla grande spiaggia, dove il verde del mare si fonde con l’azzurro del cielo circondato dalle colline circostanti.

Grazie a Hollywood una meta da scoprire per i subacquei

Sicuramente una delle immersioni in Thailandia tra le più gettonate di questi ultimi anni. Il grande afflusso turistico dovuto soprattutto alla pellicola cinematografica che l’ha fatta conoscere al mondo, dove fino a un mese fa si contavano decine di miglia di turisti. Per quanto la subacquea questo piccolo gruppo di isole e senz’altro una meta tutta da scoprire e soprattutto da godere. Se le immagini del film hanno lasciato senza fiato, andare e fare immersioni in un paradiso come questo deve essere fantastico.

Maya Bay è stata definita una “piscina” naturale di grandi dimensioni, i fortunati che hanno visitato questa località è comune l’espressione; paradisiaca. Ed hanno ragione, poche altre destinazioni turistiche hanno una simile bellezza. Stessa opinione tra i sub che hanno fatto immersioni in queste acque, flora e fauna strepitose, pesci di ogni possibile colorazione e acqua ovviamente mozzafiato.

Una delle immersioni in Thailandia che non può restare chiusa

Si tratta sempre di un patrimonio mondiale, che per quanto sia giusto tutelare, è altrettanto sacrosanto lasciarlo godere alla gente. Magari limitando appunto l’accesso anche al costo di un “pedaggio”, ma chiudere questo paradiso sicuramente non è una scelta saggia.

Con la speranza che le autorità ci ripensino o trovano un compromesso, ricordiamo che le immersioni in Thailandia si possono fare in centinaia di altri luoghi. Certo non avranno il fascino della Maya Bay, la sabbia non è quella calpestata da DiCaprio, ma per chi si “accontenta” il paese offre moltissime altre possibilità per fare immersioni.