Simulatore immersioni, per i novelli sub

La tecnologia e il digitale sempre più sorprendenti, ora grazie a un simulatore immersioni, si potrà andare sott’acqua senza bagnarsi. Questo sistema nasce ed è utile per tutti i novelli sub che vogliono iniziare un percorso formativo. Prima delle lezioni in acqua, il simulatore riproduce gli ambienti marini e offre un’occasione per familiarizzare con le profondità. È sicuramente uno strumento di apprendimento e formazione utile, che secondo gli esperti, accorcia i tempi per iniziare ad andare sui fondali veri.

Queste almeno le premesse dello sviluppatore, il polacco Jujubee, che ha da poco rilasciato “Deep Diving Simulator”, un videogioco dovrebbe far furore tra i sub. Almeno questo quanto dichiarato, tuttavia anche per i già praticanti ed esperti, potrebbe essere utile per approfondire. Magari simulando situazioni estreme e improbabili, ma non impossibili, oppure per mettersi alla prova.

Tante applicazioni con il simulatore immersioni

Ovviamente per quanto riguarda lo studio, apprendimento e formazione, specie per i più giovani e novelli sub, potrebbe rivelarsi uno strumento molto utile. Anche se, prendendo per buone le dichiarazioni dello sviluppatore, è un buon sistema anche per divertirsi. Esplorando virtualmente fondali e abissi a profondità elevatissime, di sicuro ogni sub può avere la tentazione di provarlo.

Il simulatore immersioni, è completo di ogni opzione riprodotta dalla realtà, quindi le bombole l’autonomia in acqua, la pressione ecc … Offre un’esperienza molto simile alla realtà, a tratti anche migliore e suggestiva. La grafica, riportano, è strepitosa, molto realistica e di grande impatto visivo, quindi ancora più efficace.

La promessa

Gli sviluppatori affermano che usare il simulatore subacqueo, offre un punto di partenza per arrivare ad essere un subacqueo professionista. Una sorta di “tutore” che rende le cose facili facendo entrare nel mondo sottomarino ogni nuovo aspirante sub.

Del resto, è già successo con gli arei, le auto ecc… quindi anche per la subacquea è arrivato il momento di evolvere abbracciando la tecnologia. Ora non resta che aspettare per vedere come accoglieranno i sub esperti questa novità, ma possiamo ipotizzare in modo positivo. Si tratta solo di uno strumento per facilitare l’apprendimento, magari aiutando proprio gli insegnati. Certo poi le bombole in spalla devi sempre metterle, almeno se vuoi vedere i fondali reali con i tuoi occhi!